sabato 21 maggio 2016

Rose al profumo di tè

Nel nostro blog si scriverà molto di rose perchè è una passione che ci accomuna davvero. La rosa non è solo un fiore stupendo da ammirare, è cultura e storia. Ogni vero appassionato di questo fiore ama documentarsi sulle piante che arricchiscono il suo giardino. I nostri roseti sono in divenire e ve ne racconteremo ogni singola pianta scelta non solo per la sua bellezza, ma anche per la storia che si porta dietro, sia essa antica che moderna. 

Il nostro racconto di oggi parte da lontano, vi siete mai chiesti perchè le rose "tea" si chiamino così? E perchè alcune rose antiche siano rifiorenti e altre no? Mettiamoci in viaggio e cerchiamo le risposte.....

Tutto inizia quando a partire dalla fine del XVI secolo, i vascelli delle varie compagnie delle Indie iniziano a solcare i mari verso oriente, portando in Europa meraviglie fino ad allora sconosciute. Nella seconda metà del '700, a bordo dei Tea Clippers (i mercatili della Compagnia delle Indie Britannica) furono trasportate anche alcune varietà di rose che avrebbero radicalmente rivoluzionato il mondo della botanica.
La Cina è sempre stata la terra delle rose e quando Marco Polo e i primi mercanti europei raggiunsero il lontano oriente, i cinesi coltivavano e ibridavano rose già da duemila anni.
E' probabile che alcune rose cinesi fossero già arrivate in Europa prima del '700 in maniera casuale e sporadica, senza però influenzare radicalmente la floricultura locale. Il potenziale di queste specie innovative divenne evidente solo in seguito, quando Linneo classificò la prima cinese rifiorente nel 1752 chiamandola Rosa Indica.
Fu proprio il gene della rifiorenza, fino ad allora sconosciuto nelle varietà botaniche Europee, a rivoluzionare il mondo della coltivazione grazie a quattro esemplari di rose, definite "Stud Chinas" che affascinarono i botanici e gli ibridatori per la loro continua produzione di fiori e per il loro colore innovativo.

Nel 1792 Gilbert Slater introdusse la "Yue Yue Hong", poi ribatezzata Slater's Crimson China. Di colore rosso cremisi viene considerata l'antenata delle nostre rose rosse.



Nello stesso periodo, il diplomatico John Stauton trovò nei vivai di Canton un rifiorentissimo esemplare di colore rosa argentato, in seguito battezzata "Old Blush" (sulla sua rifiorenza sono pronta a testimoniare perchè ce l'ho nel mio roseto ed è una produzione continua di boccioli, S.)
















Nel 1809, Sir Abraham Hume importò una pianta rosa pallido, vagamente profumanta di tè, chiamata poi "Hume Blush Tea-Scented China". Josephine Beauharnais, appassionata collezionista di rose di cui torneremo a parlare presto, convinse l'ex marito Napoleone Bonaparte ad interrompere il blocco navale imposto alla Gran Bretagna per far arrivare nel suo roseto della Malmaison un esemplare di questa rosa.



Infine, nel 1824 John Damper Parks portò in Inghilterra l'antenata delle rose gialle oggi molto diffse, la "Yellow Tea- Scented China".
Queste rose furono definite "Tea-Scented", cioè profumate di tè, probabilmente perchè viaggiando nei vascelli accanto alle casse che contenevano le foglie essiccate della pianta del tè (Camellia Sinensis) ne avevano assunto l'aroma Da qui il nome di alcune delle loro discendenti: le rose tea (tè in inglese)

    

(Foto tratte da Pinterest, Acquerelli botanici di Pierre J. Redoutè 
 tranne Old Blush  di Sabrina. 
Bibliografia: "The Graham Stuart Thomas Rose Book" Sagapress, Timber Press) 

Abbiamo ancora molte storia da raccontare e non solo....seguiteci!
Sabrina&Valeria


11 commenti: